Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

L'ambiente cittadino, libertà di..., o libertà da...?

Scritto da www.z3xmi.it • Giovedì, 16 maggio 2013


Le segnalazioni inviate al giornale da due lettrici ci danno l'occasione per fare alcune considerazioni che riguardano la cura ed il rispetto dell'ambiente cittadino in cui viviamo, quello intorno a noi, le vie, gli edifici, le strade. Segnalazioni che ci ricordano la cura e rispetto che l'ambiente in cui viviamo merita da parte dei cittadini, e una doverosa attenzione da parte dell'amministrazione.

La prima segnalazione ci perviene da una lettrice che abita in via Luosi, una tranquilla via che sbocca in viale Brianza, con piccoli edifici, molti dei quali ormai d'epoca, alti due, massimo tre piani.


La lettrice segnala l'elevazione in corso di uno stabile al civico numero 16, che già superava in altezza gli altri edifici vicini, elevazione che fa seguito ad un analogo intervento già segnalato un anno fa su di un altro stabile al civico numero 34, senza alcun rispetto dello stile architettonico dello stabile stesso e di quelli adiacenti, con risultati estetici decisamente discutibili.

Per inciso, la lettrice si lamenta con noi di non essere intervenuti o di non aver esercitato alcun controllo su questi fatti. Dobbiamo al riguardo precisare che noi pubblichiamo on line questo giornale e riportiamo le segnalazioni dei lettori, avendo cura di trasmetterle agli uffici e agli enti competenti, quando siamo in grado di farlo.
Non abbiamo alcuna veste, né tantomeno prerogativa, per intervenire, siamo solo liberi cittadini, che dedicano volontariamente una parte del proprio tempo a divulgare in rete questo giornale, cercando di offrire un piccolo contributo alla libera informazione per realizzare il cosiddetto “bene comune”. Cercando di vedere come stanno realmente le cose, scopriamo che non solo noi, ma nemmeno il Consiglio di Zona ha competenze per intervenire o esercitare controlli su questo tipo di situazioni, come in effetti sarebbe logico e opportuno.


Non siamo in grado di appurare quale sia l'iter seguito per realizzare i lavori in questione, ma occorre far presente che Il Comune ed I Consigli di Zona non possono esprimere alcun parere preventivo in merito agli interventi edilizi realizzati a seguito di Segnalazioni Certificate di Inizio Attività (SCIA), che, introdotte con la legge 122/2012 per la semplificazione delle attività di impresa, possono sostituire le richieste di Permesso di Costruire e consentono di dare immediatamente inizio ai lavori lasciando al Comune 60 giorni di tempo per esercitare controlli ed intervenire in caso di mancanza dei requisiti necessari. Questa legge, emanata con l'intento di semplificare le procedure per chi intende avviare una qualsiasi attività, nel caso degli interventi edilizi, lascia una completa libertà di azione e non consente di prevenire eventuali abusi, ma solo di imporre la rimozione di quelli eventualmente rilevati.

Qualsiasi intervento realizzato a seguito di una SCIA non perviene al Consiglio di Zona ed il nuovo Regolamento Comunale sul Decentramento Territoriale, da poco approvato, non prevede neppure che i lavori eseguiti a seguito di una SCIA debbano essere portati a conoscenza dell'ambito locale.Sia per le SCIA che per il Permesso di Costruire il progetto viene esaminato dalla Commissione per il paesaggio, che dà il suo parere e che può essere l'unico presidio dell'istituzione nei confronti di un progetto in regola con le normative, ma tuttavia discutibile sotto il profilo estetico. E' comunque evidente che non sempre tale esame ha un esito soddisfacente per i cittadini e per l'istituzione locale (il Consiglio di Zona).

Un'altra segnalazione pervenutaci è relativa alle pavimentazioni stradali. In particolare in via Pascoli si lamenta il fatto che, dopo alcuni lavori eseguiti, il manto stradale della carreggiata verso piazza Ascoli sia stato malamente rifatto, per cui la carreggiata si allaga, l'acqua piovana ristagna a lungo, un tombino danneggiato durante i lavori è stato rimosso e non ripristinato.
Aggiungo io, che il problema è anche di carattere più generale, poiché accade spesso, molto spesso, che quando vengono scavate strade e marciapiedi, per posare tubazioni o cavi interrati, il rifacimento del manto sia eseguito frettolosamente, senza attenzione alle pendenze e non livellato rispetto alle zone su cui non si era intervenuti, ragion per cui è facile inciampare solo camminandoci sopra.

In questi casi si possono inviare le segnalazioni, anche via mail, al Consiglio di Zona, corredandole magari di qualche foto, che provvederà a trasmetterle al settore strade, a cui compete il controllo e la verifica dei lavori. In effetti ci pare che questi controlli siano alquanto carenti, a giudicare da come vengono spesso malamente ripristinate le pavimentazioni di strade e marciapiedi. L'esecuzione di controlli puntuali sui lavori sarebbe già una sorta di spending review, poiché eviterebbe disagi ed ulteriori costi per riparare i danni che alla lunga i lavori mal fatti comportano.

 
Dagli e sempi sopra citati siamo indotti a fare due considerazioni.
La prima relativa al “danno ambientale”, diciamo così, derivante dai tanti casi di interventi edilizi eseguiti senza rispetto del conteso architettonico, del buon gusto e dell'inserimento nel paesaggio urbano, per non parlare nei casi peggiori di quegli edifici costruiti all'interno di cortili con volumetrie ed altezze tali da costituire un'offesa dei diritti altrui. Spesso non si può parlare di abusi edilizi, poiché la normativa introdotta nelle scorse legislature ha consentito e consente queste scempi edilizi, in nome della libertà del singolo, il cui interesse è ritenuto preminente rispetto a quello altrui, interesse innanzitutto inteso come interesse economico; basta questo quindi a giustificare quelli che una volta erano considerati veri e propri abusi e che oggi vengono consentiti, pur trattandosi di interventi di natura speculativa, ed in quanto speculativa, abbastanza indifferenti alla qualità dell'ambiente.
Si privilegia la libertà del singolo di fare quello che ritiene vantaggioso per sé e si toglie alla comunità la possibilità di essere liberati dall'esercizio di un diritto del singolo, ancorché lesivo dell'interesse comune.
 
Il problema è ovviamente di natura politica (infatti ricordiamo che la giunta di Pisapia ha modificato il PGT approvato da quella precedente, in numerosi punti e vietato ad esempio la costruzione all'interno dei cortili di edifici più alti di quelli adiacenti). La politica edilizia in Regione Lombardia è stata determinata da leggi (sciagurate a nostro avviso) sull'edilizia privata, che superando le competenze e le attribuzioni dei Comuni, risultano improntate a quel liberismo, sopra accennato, che vede l'interesse economico del singolo prevalere su ogni altro interesse. Purtroppo l'attuale giunta regionale non ci fa pensare ad un futuro cambio di indirizzo.

La seconda considerazione,è relativa al rapporto amministrazione/cittadini, rapporto che si basa sulla partecipazione attiva dei cittadini, ma che richiede anche un atteggiamento di ascolto ed attenzione da parte dell'amministrazione. Le soluzioni ai problemi saranno tanto più efficaci, quanto più saranno partecipate, delegate all'ambito zonale, e quanto più trasparente ed esauriente sarà stata la comunicazione verso i cittadini. Per facilitare questa partecipazione e, ci auguriamo, questa possibilità di ascolto, abbiamo dato vita e pubblichiamo questo giornale, inteso come servizio ai cittadini ed all'amministrazione.

Paolo Burgio





 

Pubblicato da www.z3xmi.it

9152 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark L'ambiente cittadino, libertà di..., o libertà da...?  at YahooMyWeb Bookmark L'ambiente cittadino, libertà di..., o libertà da...?  at NewsVine Bookmark L'ambiente cittadino, libertà di..., o libertà da...?  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA