Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

Convegno Kyoto Club - Le sfide energetiche e ambientali del 2020

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 10 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti

L’Accordo di Copenaghen, con il quale si é concluso nella capitale danese, lo scorso dicembre, il vertice delle Nazione Unite sui cambiamenti climatici, è stato il frutto di un’intesa politica promossa da alcuni Stati (tra i quali Stati Uniti, Brasile, India, Cina e Sudafrica). È stato riconosciuto dalla gran parte dei paesi con una decisione che letteralmente "prende nota" della sua esistenza, ma non lo adotta formalmente.

L'Accordo riconosce che l’aumento della temperatura media globale non dovrà superare i 2°C rispetto ai valori pre-industriali e può essere considerato un primo passo che dovrà essere poi trasformato in uno strumento legalmente vincolante in Messico nella prossima conferenza mondiale sul clima (Cancún, 29 novembre – 10 dicembre 2010).

Sappiamo tuttavia che gli impegni dichiarati oggi dai paesi industrializzati ed emergenti al 2020 porterebbero ad una concentrazione di gas serra in atmosfera tale da provocare un aumento molto superiore ai 3 °C, con conseguenti notevoli danni ambientali ed economici per tutta la comunità mondiale.


>>Continua a leggere "Convegno Kyoto Club - Le sfide energetiche e ambientali del 2020"

3018 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Convegno Kyoto Club - Le sfide energetiche e ambientali del 2020  at YahooMyWeb Bookmark Convegno Kyoto Club - Le sfide energetiche e ambientali del 2020  at NewsVine Bookmark Convegno Kyoto Club - Le sfide energetiche e ambientali del 2020  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

COP15 - Copenaghen si è chiuso sull’orlo del fallimento

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Domenica, 20 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

I negoziati sul clima di Copenaghen sono stati a un passo dal fallimento totale e comunque hanno rappresentato una notevole delusione rispetto alle aspettative.

Dopo aver seguito i lavori ininterrottamente per tutta la notte e per gran parte della giornata conclusiva, il WWF osserva che la capacità dei Paesi di abbandonare gli egoismi e agire insieme è stata insufficiente per affrontare i pericoli del cambiamento climatico e questo espone il Pianeta a rischi immensi: bisogna reagire.

“Copenaghen è stato sull’orlo del fallimento a causa di una sfavorevole combinazione tra scarsa leadership, interessi nazionali e di potentissime lobby e basso livello di ambizione

ha detto Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, che ha seguito i negoziati a Copenaghen

Impegni a parole, ma solo parzialmente sentiti, per proteggere il nostro Pianeta da un pericolosissimo cambiamento climatico, non sono sufficienti per affrontare una crisi che richiede modi completamente nuovi di collaborazione tra Paesi ricchi e Paesi poveri.”.

I politici in tutto il mondo – in teoria –  sembrano essere d’accordo che il riscaldamento globale deve rimanere al di sotto dei 2°C, limite cruciale per evitare gli impatti più disastrosi del cambiamento climatico.
Ma in pratica gli impegni che i politici assunti portano a un aumento delle temperature di 3° C se non di più, secondo le stime del WWF.


>>Continua a leggere "COP15 - Copenaghen si è chiuso sull’orlo del fallimento"

4485 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark COP15 - Copenaghen si è chiuso sull’orlo del fallimento  at YahooMyWeb Bookmark COP15 - Copenaghen si è chiuso sull’orlo del fallimento  at NewsVine Bookmark COP15 - Copenaghen si è chiuso sull’orlo del fallimento  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al 24%

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 18 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cambiamenti climatici

Concentrazioni di inquinanti pari alle aree urbane e PM10 oltre i limiti europei sui ghiacciai himalayani ad oltre 5000 metri di quota.

Sono a dir poco allarmanti i quattro anni di dati rilevati dal progetto Share promosso dal Comitato Evk2Cnr e analizzati nell’ambito di una collaborazione con il Nasa Goddard Space Flight Center.

Per effetto dell’Asian Brow Clowd, si è stimato che i ghiacciai Himalayani possono subire un’accellerazione dello scioglimento fino al 24 per cento rispetto alla fusione “normale” che subiscono nel corso della loro vita.

Asian Brown Cloud

Una minaccia che grava direttamente su un miliardo e mezzo di persone e a Copenhagen, nessun atto dedicato ai ghiacciai himalayani pare sia stato inserito nell’agenda ufficiale del Cop 15.

Questo è quanto emerge sulla base dei dati rilevati all’osservatorio NCO-P sull’Everest, in uno studio recentemente presentato durante l’AGU Fall meeting 2009 in corso a San Francisco da ricercatori della NASA in collaborazione con ricercatori CNR, CNRS ed EvK2CNR.

I primi 4 anni di osservazioni, dal 2006 al 2009, eseguite presso il Nepal Climate Observatory - Pyramid (NCO-P), hanno permesso di ottenere importanti informazioni su black carbon, ozono, radiazione solare e altri parametri atmosferici a 5079 metri di quota sulle pendici dell’Everest ove è posta la stazione di misura più elevata del network dedicato all’Atmospheric Brown Cloud di Unep.


>>Continua a leggere "Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al 24%"

5341 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al 24%  at YahooMyWeb Bookmark Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al 24%  at NewsVine Bookmark Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al 24%  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Sarkozy lapidario: rischio catastrofe Copenaghen

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 18 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Mentre i negoziati sul clima continuano a pieno ritmo nel Centro Bella di Copenhagen su come condividere l'onere dei tagli di emissioni di carbonio e il costo del riscaldamento globale, i leader europei si sono alternati negli appelli verso la sala plenaria.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha avvertito dal podio conferenza ha ammonito tutti i delegati.

"Ci sono meno di 24 ore. Se continuiamo su questa strada, sarà un fallimento.
Il tempo è contro di noi, smettiamo con questi atteggiamenti ostili ....
In caso di un insuccesso di Copenaghen sarebbe una vera catastrofe per ciascuno di noi".

Ma Sarkozy non è stato l'unico a tentare di sferzare la platea. Pur se con tonalità e sfumature diverse, sono molti che vogliono portare a casa dei risultati.


>>Continua a leggere "Sarkozy lapidario: rischio catastrofe Copenaghen"

3005 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Sarkozy lapidario: rischio catastrofe Copenaghen  at YahooMyWeb Bookmark Sarkozy lapidario: rischio catastrofe Copenaghen  at NewsVine Bookmark Sarkozy lapidario: rischio catastrofe Copenaghen  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

China willing to detail emission effort

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Giovedì, 17 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Da Associate Press

According to Vice Foreign Minister He Yafei China is ready for "dialogue and cooperation that is not intrusive, that does not infringe on China's sovereignty".

Vice Primo Ministro Cinese - He-Yafei - Foto APCOM

China says it is willing to provide details about its actions to control carbon emissions, moving to meet a key US demand for verification of China's promises to fight global warming.

Vice Foreign Minister He Yafei said China is ready for "dialogue and cooperation that is not intrusive, that does not infringe on China's sovereignty."


>>Continua a leggere "China willing to detail emission effort"

6398 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark China willing to detail emission effort  at YahooMyWeb Bookmark China willing to detail emission effort  at NewsVine Bookmark China willing to detail emission effort  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

COP 15 Copenhagen - Nuova linfa vitale per i negoziati dalla finanza

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Giovedì, 17 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

L’annuncio del Segretario di Stato Hillary Clinton, dato oggi in occasione della COP15, per il WWF è nuova linfa vitale per i negoziati.
Il supporto di 10 miliardi di dollari è in grado di creare un ponte tra i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo, e quindi cambiare lo scenario in questi giorni di negoziati globali.

Ora è auspicabile un accordo tra Stati Uniti e Cina su come definiranno il tema della trasparenza e si deve attendere  l’impegno del Presidente Obama affinché la legislazione sul clima sia la sua principale priorità nel prossimo anno.
Dall'Unione Europea e dagli altri Paesi industrializzati si attende un segnale positivo sul fronte delle riduzioni delle emissioni al 2020.

Sul fronte dei finanziamenti, si deve segnalare come fino ad oggi molti Paesi abbiano avanzato nuove proposte finanziarie cosiddette “fast start”, ovvero immediate, per aiutare a concludere l’accordo, mentre il pezzo mancante fondamentale restava proprio la finanza a lungo termine.


>>Continua a leggere "COP 15 Copenhagen - Nuova linfa vitale per i negoziati dalla finanza"

3216 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark COP 15 Copenhagen - Nuova linfa vitale per i negoziati dalla finanza  at YahooMyWeb Bookmark COP 15 Copenhagen - Nuova linfa vitale per i negoziati dalla finanza  at NewsVine Bookmark COP 15 Copenhagen - Nuova linfa vitale per i negoziati dalla finanza  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La maledizione di Copenhagen e la cura ancora possibile

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Giovedì, 17 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Sono rimaste molte parentesi e poca sostanza nei testi negoziali di Copenhagen passati ora ai Ministri, su cui hanno iniziato a discutere i capi di Stato. Il WWF lancia l’allarme.

“Le ultime sessioni hanno prodotto disaccordo mentre i negoziatori avrebbero dovuto andare più a fondo dei vari temi chiave

ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, presente al Summit

Quando le decisioni più difficili approderanno ai livelli più alti, c’è il pericolo che la questione si concluderà con grandi proclami piuttosto che inserire termini stringenti per affrontare i cambiamenti climatici. La difesa degli interessi delle lobby economiche e l’intransigenza delle grandi potenze sono le principali responsabili della confusione che si è creata in queste ultime fasi di negoziato.”

Mentre appaiono vere e proprie scappatoie ‘legislative’ sulla contabilizzazione della CO2, non si vede una negoziazione tra paesi sulla maniera più etica ed efficace per mettere in atto le misure che la scienza indica come necessarie.

Per il WWF il mondo è in questo momento sulla strada di cambiamenti climatici fuori controllo: con gli impegni assunti a oggi dai Paesi industrializzati, il Pianeta rischia un aumento della temperatura fino a 4 gradi al di sopra dei livelli pre-industriali...

una ricetta perfetta per il disastro!!!

Le grandi nazioni possono anche snobbare le misure per un’azione efficace per il clima, ma non potranno ignorare i cambiamenti climatici.
Quando il mondo si volterà a guardare questa conferenza, potrà trovarsi in una situazione di caos climatico o di una crisi appena avvertita. Allora potremo parlare della ‘cura’ di Copenaghen o della ‘maledizione’ di Copenaghen.


>>Continua a leggere "La maledizione di Copenhagen e la cura ancora possibile"

4366 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La maledizione di Copenhagen e la cura ancora possibile  at YahooMyWeb Bookmark La maledizione di Copenhagen e la cura ancora possibile  at NewsVine Bookmark La maledizione di Copenhagen e la cura ancora possibile  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La Peugeot, la mobilità sostenibile e l’impatto ambientale dell’automobile

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 16 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen, Trasporti e mobilità

Si moltiplicano gli impegni da parte del settore automobilistico verso un impatto più morbido nei confronti dell'ambiente.

Gli interessi verso fascie di mercato e utenti sempre più attenti alle questioni ambientali ha portate a modificare molte politiche industriali.
Tra le varie case del settore automotive, c'è Peugeot, che ha colto l'occasione del COP15 a Copenhagen per indire una conferenza stampa nell’ambito del Bright Green Event, al COP 15 di Copenaghen, per fare il punto sui propri impegni in materia di mobilità sostenibile e di riduzione dell’impatto ambientale dell’automobile.

Parlano i fatti, meno le parole.
E questo viene confermato dai numeri, che se visti da uno stretto punto di vista ambientalista, non sono ancora soddisfacenti, ma la strada è quella è bisogna darne atto. Come la futura Peugeot i0n.


>>Continua a leggere "La Peugeot, la mobilità sostenibile e l’impatto ambientale dell’automobile"

4660 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La Peugeot, la mobilità sostenibile e l’impatto ambientale dell’automobile  at YahooMyWeb Bookmark La Peugeot, la mobilità sostenibile e l’impatto ambientale dell’automobile  at NewsVine Bookmark La Peugeot, la mobilità sostenibile e l’impatto ambientale dell’automobile  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Ban Ki-moon, il messaggio di speranza e L’Ora della Terra - Hopenhagen

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Lunedì, 14 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Hopenhagen
Mercoledì 16 dicembre alle 19:00 (CET), un milione di cittadini di Copenaghen in rappresentanza dei 6,8 miliardi di abitanti del mondo spegneranno le luci per L’Ora della Terra - Hopenhagen.

Nella fase cruciale dei negoziati sul Trattato globale sul clima, Earth Hour – l’Ora della Terra e la campagna Hopenhagen uniscono le forze per far risuonare un messaggio forte in tutto il mondo: è giunta l’ora di agire nella lotta contro il riscaldamento dell’atmosfera terrestre.

Ospite d’onore dell’evento, il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon che prenderà simbolicamente in consegna le centinaia di migliaia di messaggi provenienti da ogni angolo del pianeta, contenuti in una sfera–hard disk di 350 gigabyte, per consegnarli ai leader del mondo, impegnati a trovare un nuovo accordo sul clima.

L’appuntamento, lanciato anche in Italia dalla Campagna del WWF “Un Voto per la Terra”, continua sulla scia dell’Ora della Terra 2009 (il 28 marzo), quando milioni di persone in oltre 4.000 città e 88 paesi del mondo hanno scelto la Terra e non il Riscaldamento Globale, spegnendo la luce per un’ora.

La novità annunciata oggi è l’alleanza con la campagna Hopenhagen, movimento globale di oltre 1,7 milioni di cittadini, indicativo di una solidarietà capace di creare un impulso senza precedenti in questo momento storico nella città che ospita il Vertice delle Nazioni Unite.


>>Continua a leggere "Ban Ki-moon, il messaggio di speranza e L’Ora della Terra - Hopenhagen"

4283 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Ban Ki-moon, il messaggio di speranza e L’Ora della Terra - Hopenhagen  at YahooMyWeb Bookmark Ban Ki-moon, il messaggio di speranza e L’Ora della Terra - Hopenhagen  at NewsVine Bookmark Ban Ki-moon, il messaggio di speranza e L’Ora della Terra - Hopenhagen  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Le 10 specie più minacciate dal riscaldamento globale in America

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Lunedì, 14 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Fauna

Il Grizzly
Secondo il rapporto "America's Hottest Species" edito dalla Endangered Species Coalition il riscaldamento globale è come un bulldozer che minaccia specie che sono già sull'orlo dell'estinzione e che non possono permettersi il lusso di attendere che i politici rimandino decisioni fondamentali per la loro sopravvivenza: occorre agire subito.

Le specie identificate sono rappresentative di tutte quelle in pericolo sia della fauna che della flora.

Secondo l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) a livello globale dal 20 al 30% delle specie saranno maggiormente a rsichio di estinzione se le temperature aumenteranno tra1,5 e 2,5° C rispetto ai livelli pre industriali.

Le minacce principali si concretizzeranno tra l'altro in un aumento delle malattie, ridotti tassi di riproduzione, perdita e degrado degli habitat, diminuzione del cibo a disposizione.


>>Continua a leggere "Le 10 specie più minacciate dal riscaldamento globale in America"

7218 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Le 10 specie più minacciate dal riscaldamento globale in America  at YahooMyWeb Bookmark Le 10 specie più minacciate dal riscaldamento globale in America  at NewsVine Bookmark Le 10 specie più minacciate dal riscaldamento globale in America  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità sull'ambiente

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Domenica, 13 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità per fare passi in avanti sulla riduzione dei target di emissione e per essere di ispirazione ad un reale progresso nelle fasi finali cruciali delle trattative nel Summit di Copenaghen.

Questo è estremamente deludente. La UE ha sempre detto di voler assumere un ruolo di leader nel dibattito sui cambiamenti globali ma l’annuncio dato nell’ultima sessione di Consiglio sembra dimostrare che è un ruolo che si sta sempre più ridimensionando, con conseguenze negative anche dal punto di vista politico.

Ancora una volta il WWF bastona i nostri rappresentanti politici in ambito europeo.

La scienza indica abbastanza chiaramente che i paesi sviluppati devono tagliare le emissioni di gas serra del 40% entro il 2020 al fine di contenere il riscaldamento globale al di sotto della soglia dei 2 gradi di aumento medio della temperatura globale.

La UE non ha innalzato il suo impegno nemmeno al 30%, sebbene questo obiettivo si possa raggiungere senza alcuno sforzo all’interno del proprio paese domestico.


>>Continua a leggere "Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità sull'ambiente"

2748 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità sull'ambiente  at YahooMyWeb Bookmark Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità sull'ambiente  at NewsVine Bookmark Il Consiglio Europeo ha perso una grande opportunità sull'ambiente  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Copenhagen COP15: 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Giovedì, 10 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: COP15 - Copenhagen

Alla vigilia della riunione del Consiglio Europeo, domani a Bruxelles, il WWF chiede ai Capi di Stato di cogliere quella che sarà la loro ultima opportunità di portare gli obiettivi di riduzione dell’Europa ai livelli necessari per mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 °C, prima che prendano avvio al Vertice sul Clima i negoziati ad alto livello della settimana prossima.
“L’Europa sta utilizzando come una moneta di scambio la possibilità di arrivare a un obiettivo del 30% di riduzione delle emissioni entro il 2020, ma in realtà sta usando mille scappatoie per tagliare molto meno le emissioni domestiche
ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia
L’attuale offerta di riduzione del 20%, vorrebbe dire addirittura rallentare l’attuale ritmo di riduzione delle emissioni in Europa. In questo modo non solo l’Europa perderebbe i benefici economici che, come dimostrato da diversi studi indipendenti, potrebbe ottenere grazie a obiettivi più significativi, ma vorrebbe anche dire che l’Europa sta impegnandosi meno degli Stati Uniti.”
Se l’Europa vuole conservare la propria leadership e mantenere l’impegno di rimanere al di sotto di 2°C di riscaldamento globale, il Consiglio Europeo deve cambiare il proprio obiettivo: almeno il 30% di riduzione rispetto ai livelli del 1990, con l’offerta di arrivare al 40% se gli altri Paesi aumenteranno il proprio impegno.

Ci sono 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo.

Eccole:


>>Continua a leggere "Copenhagen COP15: 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo"

4048 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Copenhagen COP15: 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo  at YahooMyWeb Bookmark Copenhagen COP15: 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo  at NewsVine Bookmark Copenhagen COP15: 3 grosse scappatoie nell’obiettivo europeo  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!