Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

Record di rinoceronti massacrati da bracconieri

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 23 dicembre 2011 • Commenti 1 • Categoria: Fauna
Sono 341 i pachidermi abbattuti dall'inizio dell'anno

Il massacro dei rinoceronti in Africa del Sud ha raggiunto un nuovo record: sono 341 i pachidermi uccisi dall'inizio dell'anno contro i 333 del 2010, come ha reso noto l'organizzazione ambientalista Wwf.

L'aumento del bracconaggio viene giustificato con la vendita in Asia del corno degli animali, utilizzato nella medicina tradizionale in particolare in Vietnam, dove viene considerato in grado di curare i tumori: il prezzo può raggiungere il mezzo milione di dollari.


>>Continua a leggere "Record di rinoceronti massacrati da bracconieri"

10490 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Record di rinoceronti massacrati da bracconieri  at YahooMyWeb Bookmark Record di rinoceronti massacrati da bracconieri  at NewsVine Bookmark Record di rinoceronti massacrati da bracconieri  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Una riserva per le tigri, senza ledere diritti indigeni

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 23 dicembre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Vittoria storia per i Siliga del Karnataka

Vittoria storica per una tribù dell'India - i Soliga - che si è vista riconoscere, per la prima volta, il diritto di usare la terra ancestrale nonostante si trovi all'interno di una riserva istituita per tutelare le tigri.

Nel 1974, dice l'associazione Survival International, il governo locale sfrattò molti membri della tribù dei Soliga dalle colline di Biligirirangan, nello stato di Karnataka, con l'intento di proteggere l'ambiente naturale del luogo.


>>Continua a leggere "Una riserva per le tigri, senza ledere diritti indigeni"

2877 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Una riserva per le tigri, senza ledere diritti indigeni  at YahooMyWeb Bookmark Una riserva per le tigri, senza ledere diritti indigeni  at NewsVine Bookmark Una riserva per le tigri, senza ledere diritti indigeni  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La strage dei rinoceronti in Sudafrica: Wwf,200 uccisi da gennaio

Scritto da 100ambiente - News • Martedì, 5 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Fauna
Nel Paese il 70% di questi animali in via d'estinzione

Circa 200 rinoceronti sono stati uccisi in Sudafrica nei primi sei mesi dell'anno, la maggior parte nel celebre parco Kruger. A lanciare l'allarme è il Fondo mondiale della natura (Wwf). Dall'inizio dell'anno, il Wwf ha recensito 193 rinoceronti uccisi da bracconieri, di cui 126 nel parco Kruger, denuncia il Wwf in un comunicato.

"Gli atti di bracconaggio sono quasi tutti commessi da sofisticati criminali che talvolta cacciano dagli elicotteri e utilizzano armi automatiche", afferma Joseph Okori, coordinatore del programma Rinoceronti al Wwf.
"Il Sudafrica conduce una guerra contro il crimine organizzato che rischia di compromettere gli eccezionali progressi realizzati nel secolo passato", aggiunge.


>>Continua a leggere "La strage dei rinoceronti in Sudafrica: Wwf,200 uccisi da gennaio"

3344 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La strage dei rinoceronti in Sudafrica: Wwf,200 uccisi da gennaio  at YahooMyWeb Bookmark La strage dei rinoceronti in Sudafrica: Wwf,200 uccisi da gennaio  at NewsVine Bookmark La strage dei rinoceronti in Sudafrica: Wwf,200 uccisi da gennaio  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Sono le Tartarughe il gruppo di vertebrati più a rischio di estinzione

Scritto da 100ambiente - News • Martedì, 1 marzo 2011 • Commenti 0 • Categoria: Fauna
Servono iniziative di conservazione per evitare estinzione

Tartarughe e testuggini rappresentano il gruppo di animali vertebrati maggiormente in pericolo, con oltre metà delle 328 specie a rischio estinzione.
Lo indica un nuovo rapporto, riportato oggi dall'Independent.

Le loro popolazioni sono impoverite dalla caccia, sia per ragioni alimentari sia per l'utilizzo nella medicina tradizionale cinese, dalla collezione su larga scala per il commercio di animali e dall'inquinamento e la distruzione dei loro habitat.


>>Continua a leggere "Sono le Tartarughe il gruppo di vertebrati più a rischio di estinzione"

3934 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Sono le Tartarughe il gruppo di vertebrati più a rischio di estinzione  at YahooMyWeb Bookmark Sono le Tartarughe il gruppo di vertebrati più a rischio di estinzione  at NewsVine Bookmark Sono le Tartarughe il gruppo di vertebrati più a rischio di estinzione  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Thailandia: la barriera corallina a rischio, vietate le immersioni

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 4 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Chiusi sine die 18 siti di 7 parchi nazionali marini

Cancelli chiusi per una delle località turistiche più gettonate del mondo, il mare della Thailandia: le autorità locali hanno annunciato la chiusura sine di alcuni fra i più famosi siti per immersioni, una misura estrema per cercare di impedire la scomparsa della barriera corallina, vittima del riscaldamento delle acque.

In totale, sono 18 i siti di 7 parchi marittimi che saranno vietati ai turisti, in cui "l'80% dei coralli soffre di uno sbiancamento", indica il ministero dei parchi nazionali e per la conservazione della fauna e della flora.


>>Continua a leggere "Thailandia: la barriera corallina a rischio, vietate le immersioni"

4438 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Thailandia: la barriera corallina a rischio, vietate le immersioni  at YahooMyWeb Bookmark Thailandia: la barriera corallina a rischio, vietate le immersioni  at NewsVine Bookmark Thailandia: la barriera corallina a rischio, vietate le immersioni  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Allarme Coldiretti: sparito 75% varietà di frutta, da nord a sud

Scritto da 100ambiente - News • Giovedì, 3 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Fauna
Da "sa pompia sarda" al "carrubo siciliano" fino a "patata blu trentina"

In Italia sono scomparse dalla tavola tre varietà di frutta su quattro e su una larga percentuale di quelle rimaste grava il rischio estinzione, mentre mancano all'appello una trentina di razze tra mucche, maiali e pecore e il 95% delle antiche varietà di grano è andato perduto.

E' quanto emerge dal primo dossier sul fenomeno dei "Farmers Market in Italia" presentato alla prima assemblea nazionale degli Agrimercato di Campagna Amica della Coldiretti.

Dalle tavole sono praticamente scomparse varietà come la 'pompia' sarda (una sorta di cedro), il carrubo siciliano, la patata blu trentina, la mela Gaetanella molisana


>>Continua a leggere "Allarme Coldiretti: sparito 75% varietà di frutta, da nord a sud"

3643 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Allarme Coldiretti: sparito 75% varietà di frutta, da nord a sud  at YahooMyWeb Bookmark Allarme Coldiretti: sparito 75% varietà di frutta, da nord a sud  at NewsVine Bookmark Allarme Coldiretti: sparito 75% varietà di frutta, da nord a sud  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Rischio estinzione orsi polaro? Un Giudice Usa vuole chiarire

Scritto da 100ambiente - News • Sabato, 23 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Fauna
La nuova ipotesi di un Giudice americano. Se questo animale è in rischio di estinzione, allora scatterebbero nuovi limiti ai gas serra

 Il giudice federale Emmet Sullivan ha chiesto al dipartimento di Sicurezza Interna di far luce sullo status degli orsi polari negli Usa.
Il giudice Sullivan vuole sapere se per la legge federale americana gli orsi sono solo una specie minacciata oppure se sono a rischio imminente di estinzione.

E non si tratta di una sottigliezza verbale.
L'ex segretario del dipartimento di Sicurezza interna, Dirk Kempthorne, ha affermato nel maggio 2008 che gli orsi erano una specie minacciata a causa dello scioglimento dei ghiacci nell'Artico.


>>Continua a leggere "Rischio estinzione orsi polaro? Un Giudice Usa vuole chiarire"

3625 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Rischio estinzione orsi polaro? Un Giudice Usa vuole chiarire  at YahooMyWeb Bookmark Rischio estinzione orsi polaro? Un Giudice Usa vuole chiarire  at NewsVine Bookmark Rischio estinzione orsi polaro? Un Giudice Usa vuole chiarire  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Quale futuro per la biodiversità? Da oggi la conferenza a Nagoya

Scritto da 100ambiente - News • Lunedì, 18 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti
Rischio di impasse per la reale contrapposizione dei paesi ricchi contro i paesi poveri

I Paesi firmatari della Convenzione Onu sulla diversità biologica si ritrovano da oggi a Nagoya, in Giappone, per una conferenza di due settimane che rischia l'impasse per le divisioni tra paesi ricchi e paesi poveri.

Avviata con il Summit sulla Terra di Rio de Janeiro nel 1992, questa iniziativa internazionale non è riuscita finora nel suo intento principale, quello cioè di rallentare l'estinzione delle specie e la distruzione degli ecosistemi più delicati.

Nel 2002, a Johannesburg, il Summit mondiale sullo sviluppo durevole si era prefissato come obiettivo

"entro il 2010, un'effettiva riduzione del ritmo di perdita della diversità biologica",
da realizzare soprattutto con la lotta alla deforestazione, all'inquinamento e allo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche. 

Questo obiettivo non è stato raggiunto, riconoscono le Nazioni Unite:

"Il declino globale della biodiversità si sta accelerando",

dichiarava il 22 settembre il Segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon.


>>Continua a leggere "Quale futuro per la biodiversità? Da oggi la conferenza a Nagoya"

4169 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Quale futuro per la biodiversità? Da oggi la conferenza a Nagoya  at YahooMyWeb Bookmark Quale futuro per la biodiversità? Da oggi la conferenza a Nagoya  at NewsVine Bookmark Quale futuro per la biodiversità? Da oggi la conferenza a Nagoya  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Pierce Brosnan, nuovo paladino dell'ambiente.

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 8 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Fauna
Da 007, si presenta come testimonial alla Banca Mondiale.
A Washington presenta il nuovo film della National Geographic sulle migrazioni e sull'importanza della biodiversità.

Da 007 a paladino dell'ambiente. L'attore Pierce Brosnan insieme al presidente della Banca Mondiale Robert Zoellick e al presidente del National Geographic global media Tim Kelly ha partecipato alla visione in anteprima del film "Grandi Migrazioni" che verrà trasmesso a partire dal prossimo 7 novembre sul National Geographic Channel.

Brosnan, che sostiene in prima persona alcune importanti cause ambientali, ha pronunciato un discorso nel quartier generale della Banca Mondiale a Washington davanti a molti membri delle 187 delegazioni di tutto il mondo presenti per gli incontri annuali dell'istituzione e del Fondo Monetario Internazionale.


>>Continua a leggere "Pierce Brosnan, nuovo paladino dell'ambiente."

2705 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Pierce Brosnan, nuovo paladino dell'ambiente.  at YahooMyWeb Bookmark Pierce Brosnan, nuovo paladino dell'ambiente.  at NewsVine Bookmark Pierce Brosnan, nuovo paladino dell'ambiente.  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Avvio della stagione di caccia. Il dodecalogo del Corpo Forestale

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 17 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Fauna

Apertura stagione venatoria cacciaLa fauna selvatica è un patrimonio tutelato nell'interesse della comunità nazionale ed internazionale.
Il Corpo forestale dello Stato, attraverso l'attività delle strutture operative centrali e periferiche, difende la vita delle specie selvatiche, autoctone ed esotiche, garantendo anche la conservazione dei loro habitat naturali. In particolare, con l'ausilio del Nucleo Operativo Antibracconaggio (NOA), struttura specializzata della Forestale negli interventi contro il bracconaggio, controlla il corretto esercizio dell'attività venatoria.

Alla vigilia dell'apertura generale della caccia il Corpo forestale dello Stato invita tutti coloro che praticano l'attività venatoria a una caccia responsabile nel rispetto delle normative vigenti. Il cacciatore deve collaborare sempre più con gli enti locali per contribuire alla gestione del patrimonio faunistico e naturale del nostro Paese. In questo contesto si inserisce l'importante opera di vigilanza sul territorio svolta dalla Forestale che in questo periodo verrà intensificata per prevenire gli incidenti e reprimere gli episodi di bracconaggio.

Una costante e capillare attività, quella svolta dal Corpo forestale dello Stato, che ha portato, nel corso del 2009, ad accertare 1.516 reati rispetto ai 1.672 dell'anno precedente, la maggior parte dei quali hanno riguardato la tutela della fauna selvatica autoctona (938).
Più di 300 sono stati i reati per violazioni alle norme riguardanti il maltrattamento di animali e circa 140 i reati inerenti la legge sul controllo del commercio delle specie selvatiche in via di estinzione (CITES).

In calo anche le persone denunciate pari a 926 contro le 1.205 del 2008, così come i sequestri di animali e degli illeciti mezzi di caccia pari a 1.037 contro i 1.308 dell'anno precedente.
Gli arresti sono stati 5, rispettivamente 2 in Calabria, 2 in Puglia e 1 in Piemonte. Le perquisizioni effettuate sono state più di 140. Accertati, inoltre, quasi 5mila illeciti amministrativi ed eseguiti 134 mila controlli.
L'importo totale delle sanzioni notificate ai trasgressori nel 2009, pari a circa 3 milioni di euro, è quasi raddoppiato rispetto all'anno precedente.

Segue il dodecalogo del Corpo FOrestale, per una caccia rispettosa delle leggi.


>>Continua a leggere "Avvio della stagione di caccia. Il dodecalogo del Corpo Forestale"

5068 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Avvio della stagione di caccia. Il dodecalogo del Corpo Forestale  at YahooMyWeb Bookmark Avvio della stagione di caccia. Il dodecalogo del Corpo Forestale  at NewsVine Bookmark Avvio della stagione di caccia. Il dodecalogo del Corpo Forestale  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La pesca nelle acque africane: rischia sparire 20% specie acqua dolce

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 15 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Ittica

Il 21% delle specie d'acqua dolce nell'Africa continentale è minacciato di estinzione.
Con conseguenze non solo sulla biodiversità, visto che la pesca rappresenta una delle principali fonti di sostentamento della popolazione.
Lo afferma l'Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn). Oltre 5000 le specie - pesci, molluschi, granchi e varie piante acquatiche - osservate per cinque anni da oltre duecento scienziati dell'Iucn.

Pericolo biodiversità pesci Africa

Le maggiori minacce alla loro sopravvivenza viene dall'agricoltura, dalle dighe e dai prelievi di acqua, oltre che dalle specie aliene.

"Le acque dolci

spiega Jean-Christophe Vié, vice responsabile del programma IUCN per la protezione della biodiversità

coprono solo l'1% della superficie del pianeta, ma ospitano circa il 7% di tutte le specie".

Anche la perdita di una sola di queste può avere conseguenze drammatiche sulla sopravvivenza delle comunità.

"Attorno ai grandi laghi africani - afferma l'Iucn - il pesce costituisce la fonte principale di proteine per la gran parte dei poveri del continente.


>>Continua a leggere "La pesca nelle acque africane: rischia sparire 20% specie acqua dolce"

5569 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La pesca nelle acque africane: rischia sparire 20% specie acqua dolce  at YahooMyWeb Bookmark La pesca nelle acque africane: rischia sparire 20% specie acqua dolce  at NewsVine Bookmark La pesca nelle acque africane: rischia sparire 20% specie acqua dolce  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Avvistata la foca monaca a Portofino

Scritto da Paolo Fraelli • Giovedì, 1 luglio 2010 • Commenti 1 • Categoria: Fauna

Foca Monaca PortofinoE' tornata la Foca Monaca (Monachus monachus) nella acque di Portofino e con precisione nella Zona B dell'Area Marina Protetta (AMP) omonima. Augurandoci non si tratti di un avvistamento casuale, l'esemplare ammirato e fotografato da alcuni sommozzatori del diving center “Massub” è un adulto lungo due metri. La notizia ha dell'incredibile e ben augurante proprio nell'anno dedicato alla biodiversità.

L’avvistamento di questo esemplare di Foca si va ad aggiunge agli altri potuti registrare in Corsica, in Sardegna, all’Isola del Giglio e in Sicilia (aprile scorso), ma l'aspetto straordinario è il suo arrivo nella parte settentrionale del Tirreno.

Ovviamente gli operatori dell'Area Marina Protetta di Portofino si sono immediatamente messi in moto per avere una conferma del comportamento stanziale del focide.

Questo mammifero marino che può raggiungere anche i 3 metri di lunghezza è esclusivamente carnivoro nutrendosi di molluschi, crostacei e pesci ossei. Catturando specie di grossa taglia come polpi, murene, gronghi, cernie e spigole, la foca monaca si pone ai vertici della rete trofica (catena alimentare) assumendo così un’elevata importanza dal punto di vista ecologico.


>>Continua a leggere "Avvistata la foca monaca a Portofino"

11195 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Avvistata la foca monaca a Portofino  at YahooMyWeb Bookmark Avvistata la foca monaca a Portofino  at NewsVine Bookmark Avvistata la foca monaca a Portofino  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!