Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

RAEE, distribuzione e ritiro "one to one". Il seminario

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Martedì, 11 maggio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti

Raccolta RaeeTre date importanti per capire le novità introdotte con il Decreto Ministeriale n°65 dell'8 marzo 2010, il cosiddetto Decreto Semplificazioni, o "uno contro uno". Infatti dal 18 giugno 2010 scatta l’obbligo di ritiro gratuito (“one to one”) da parte del sistema della distribuzione. A fronte di un acquisto di un nuovo elettrodomestico (AEE), è stato introdotto l'obbligo del ritiro del vecchio apparecchio (RAEE).

Il che pone un duplice ordine di esigenze:

  • da una parte, quella di attrezzarsi per assicurare tale servizio secondo le modalità di gestione semplificata introdotte dal recente DM, evitando così di incorrere nelle sanzioni previste dalla legge in caso di inadempienza;
  • dall’altra, quella di implementare un servizio di trasporto efficiente e conforme alle nuove regole, dal negozio o dal domicilio del cliente all’eventuale luogo di raggruppamento intermedio e quindi da questo alla piazzola comunale o (in caso di Raee professionali) agli impianti di trattamento.


>>Continua a leggere "RAEE, distribuzione e ritiro "one to one". Il seminario"

11588 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark RAEE, distribuzione e ritiro "one to one". Il seminario  at YahooMyWeb Bookmark RAEE, distribuzione e ritiro "one to one". Il seminario  at NewsVine Bookmark RAEE, distribuzione e ritiro "one to one". Il seminario  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Parte la ventesima edizione del Treno Verde

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Giovedì, 18 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti

Treno verde 2010È partita la ventesima edizione del Treno Verde: atteso come sempre l'ingresso del convoglio nelle stazioni per visitare la mostra che appassiona grandi e piccini ai temi ambientali. La storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato quest'anno festeggia 20 anni di attività e l'ANEV ha deciso di partecipare con la realizzazione di una sezione intera dedicata all'energia pulita da fonte eolica. Da venti anni con rigore scientifico, convinzione, passione Legambiente porta aventi le questioni ambientali nelle stazioni italiane e il suo Treno Verde in questi anni di attività è stato visitato da migliaia di persone: un appuntamento atteso da cittadini grandi e piccoli che hanno voglia di cambiare il mondo.

Le carrozze del convoglio ambientalista sono allestite con una mostra interattiva pensata per condurre i visitatori alla scoperta dei problemi ambientali ma soprattutto delle soluzioni possibili come è oggi l'eolico ! Mobilità sostenibile, fonti rinnovabili, risparmio energetico e riciclo sono le parole chiave del viaggio del Treno Verde 2010.

Modellini interattivi, plastici e giochi aiutano i visitatori a toccare con mano la convenienza di piccoli e grandi accorgimenti: a bordo del Treno è possibile calcolare il vantaggio economico ( denaro risparmiato l'anno!) che ogni persona avrebbe scegliendo una mobilità sostenibile, utilizzando fonti rinnovabili di energia, preferendo elettrodomestici ad alta efficienza. E ancora: soluzioni per il risparmio idrico, per l'isolamento termico, per l'edilizia sostenibile e la corretta gestione dei rifiuti.


>>Continua a leggere "Parte la ventesima edizione del Treno Verde"

2620 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Parte la ventesima edizione del Treno Verde  at YahooMyWeb Bookmark Parte la ventesima edizione del Treno Verde  at NewsVine Bookmark Parte la ventesima edizione del Treno Verde  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Energy Empire - Il gioco da tavolo sulle fonti rinnovabili

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Martedì, 16 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze

Energy EmpireSi chiama Energy Empire ed è in nuovo gioco da tavolo a carattere ludo-didattico per conoscere il mondo delle energie rinnovabili, divertendosi. Ideato da tre giovani laureati con il pallino della comunicazione scientifica, “Energy Empire” nasce come progetto conclusivo di un master sulle energie rinnovabili organizzato nell’ambito del progetto - T.E.R.S.O (Talenti, Energia, Ricerca, Sviluppo, Organizzazione) - che ha avuto AREA Science Park tra i partner principali.

Finanziato dalla Fondazione per il Sud all’interno dei progetti per lo Sviluppo del capitale umano di eccellenza, il Master T.E.R.S.O. ha formato quindici laureati residenti nella regione Sardegna con l’obiettivo di contrastare la “fuga dei cervelli”, favorire la creazione di impresa e l’inserimento in organizzazioni del territorio.

Tanta curiosità, un pizzico di competenza scientifica e almeno dodici anni d’età sono i requisiti per poter giocare e mettere in luce gli aspetti positivi delle energie sostenibili e le problematiche relative alla loro diffusione e al loro utilizzo.


>>Continua a leggere "Energy Empire - Il gioco da tavolo sulle fonti rinnovabili"

4400 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Energy Empire - Il gioco da tavolo sulle fonti rinnovabili  at YahooMyWeb Bookmark Energy Empire - Il gioco da tavolo sulle fonti rinnovabili  at NewsVine Bookmark Energy Empire - Il gioco da tavolo sulle fonti rinnovabili  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Il project financing per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 3 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Produzione & Consumi

seminario Fonti energia rinnovabileIl finanziamento è uno dei punti nevralgici per progetti capital intensive come quelli per gli impianti di produzione di energia alimentati da fonti rinnovabili. Il lavoro degli imprenditori e dei finanziatori è reso difficile da una disciplina sovrabbondante e contraddittoria e da una prassi applicativa molto oscillante.
Inoltre, il mercato dei progetti e quello dei relativi finanziamenti sono spesso molto veloci e incerti, con frequenti incursioni di operatori poco professionali o non trasparenti. Una necessità impellente è quindi quella di proteggere i soggetti “sani”, affinché si possa realizzare business con chiarezza ed efficacia.

E' proprio in questa visione che il prossimo seminario organizzato da Edizioni Ambiente punta, per chiarire e fare il punto della situazione sull'argomento.

Il Seminario che vi segnaliamo è stato progettato per fornire ai partecipanti:

  • una lettura delle principali fasi autorizzative e realizzative di impianti alimentati da fonti rinnovabili viste in relazione al momento del finanziamento del progetto;
  • sempre in funzione del finanziamento, un commento dei principali strumenti contrattuali normalmente utilizzati per portare a compimento un progetto;
  • il panorama degli strumenti di finanziamento normalmente utilizzati con un focus particolare sullo schema del project financing in ambito energetico;
  • approfondimenti sullo schema del project financing con particolare riferimento a progetti alimentati da fonte fotovoltaica e biomasse;
  • la possibilità di un esercizio di applicazione pratica delle nozioni apprese durante il seminario in merito ad uno schema di project financing.


>>Continua a leggere "Il project financing per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili"

6317 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Il project financing per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili  at YahooMyWeb Bookmark Il project financing per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili  at NewsVine Bookmark Il project financing per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Ambiente, da Fondimpresa finanziamenti per la formazione in azienda

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Lunedì, 4 gennaio 2010 • Commenti 4 • Categoria: Mercati e Tendenze

La formazione continua si concentra sulle materie ambientali. Fondimpresa pubblica l’Avviso 5/2009, per finanziare con 2 milioni di euro piani formativi specifici, che consentano ad imprese e lavoratori di acquisire competenze, apprendere comportamenti, fare aggiornamento ed evoluzione di processo, con attenzione particolare a risparmio e ottimizzazione delle risorse energetiche.

Oggetto della formazione potranno essere: gestione e certificazione ambientale di sistema e di prodotto, bilanci ambientali e miglioramento delle prestazioni ambientali, aspetti tecnici e normativi della gestione ambientale e del rapporto tra aziende, territorio, produttori e consumatori, con particolare riferimento alla gestione dei rifiuti e delle sostanze chimiche, alle emissioni, alle tecnologie in materia di energie rinnovabili.

Ogni piano formativo potrà essere aziendale o interaziendale e dovrà avere un valore compreso tra un minimo di 50.000 e un massimo di 200.000 euro. Le relative domande di finanziamento dovranno essere presentate entro il 1° marzo 2010.


>>Continua a leggere "Ambiente, da Fondimpresa finanziamenti per la formazione in azienda"

9990 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Ambiente, da Fondimpresa finanziamenti per la formazione in azienda  at YahooMyWeb Bookmark Ambiente, da Fondimpresa finanziamenti per la formazione in azienda  at NewsVine Bookmark Ambiente, da Fondimpresa finanziamenti per la formazione in azienda  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

L'Energy Manager. La nuova figura di domani

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 28 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze
La figura dell’Energy manager nasce negli Stati Uniti all’epoca della prima crisi energetica (metà degli anni ’70) con l’incarico di gestire i costi energetici in impresa.

In Italia, questa figura è stata riconosciuta istituzionalmente per la prima volta dalla legge n.308 del 1982 sebbene limitatamente al comparto industriale.
Nel 1991 viene emanata la Legge n. 10/91 con la quale la figura dell’Energy manager viene definita come “Responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia” ed imposta quale obbligo di legge non solo alle industrie che superavano i limiti di consumo di 10.000 tonnellate equivalenti (tep) di petrolio l’anno, ma anche a tutti gli organismi pubblici e privati, compresa la pubblica amministrazione che denunciassero consumi superiori ai 1.000 tep/anno.

Al primo anno di applicazione della norma così modificata risultavano attivi circa 900 Energy manager ed Intorno alla metà degli anni ‘90 si stimava a livello nazionale che il numero di tecnici che avrebbero dovuto svolgere queste funzioni, fosse pari a circa 8.000 unità.
Il valore è orientativamente valido ancora oggi.


>>Continua a leggere "L'Energy Manager. La nuova figura di domani"

2258 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark L'Energy Manager. La nuova figura di domani  at YahooMyWeb Bookmark L'Energy Manager. La nuova figura di domani  at NewsVine Bookmark L'Energy Manager. La nuova figura di domani  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!