Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'

Scritto da Sonja Caccamo • Mercoledì, 21 settembre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti
Riempiti 200 container di Legambiente. Ora si andrà nelle scuole

E' stato il primo lungo week end di festa e di mobilitazione in tutta la penisola con Puliamo il mondo, la versione italiana della manifestazione internazionale Clean Up the World, realizzata in Italia da Legambiente.
Da venerdì a oggi, cittadini, esponenti di istituzioni, consorzi e associazioni hanno partecipato numerosi alla grande pulizia straordinaria degli spazi pubblici dai rifiuti abbandonati. Mentre il 23 e 24 settembre l'iniziativa proseguirà in molte scuole del Paese dove si sono prenotati circa 300.000 ragazzi insieme ai loro insegnanti.

"Il successo di Puliamo il mondo è un segnale importante, i cittadini confermano una voglia crescente di protagonismo e il desiderio di avere città più pulite e vivibili - ha dichiarato da Napoli, dove ha preso parte all'iniziativa, Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente - La numerosa partecipazione in tutta Italia testimonia anche la consapevolezza dell'importanza dell'impegno individuale a tutela del territorio. A cominciare dalla gestione dei rifiuti che rimane una questione irrisolta in molte aree d'Italia, dove la raccolta differenziata è inesistente e rappresenta una sfida importante per il mondo intero".


>>Continua a leggere "Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'"

3860 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  at YahooMyWeb Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  at NewsVine Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Legambiente: Un Comune su 6 supera il 60% di raccolta differenziata

Scritto da 100ambiente - News • Giovedì, 14 luglio 2011 • Commenti 1 • Categoria: Territorio
Regioni Nord più virtuose ma brava anche Campania, tranne Napoli

L'Italia si appassiona alla differenziata e se anche quest'anno è il nord ad aggiudicarsi il podio per la gestione dei rifiuti, sono da menzionare anche le buone performance della Sardegna e della Campania, Napoli esclusa visto che è ancora alle prese con l'emergenza rifiuti. E, in complesso, un Comune italiano su 6 supera il 60% di raccolta differenziata.

E' quanto emerge dal premio ai Comuni Ricicloni 2011 assegnato da Legambiente oggi a Roma: per il secondo anno consecutivo vince Ponte nelle Alpi, in provincia di Belluno, ma ben 1290 comuni vincono l'appellativo di "ricicloni 2011" per aver superato il 60% di raccolta differenziata, mentre ben 731 comuni si confermano "zoccolo duro" del concorso, comparendo da tre anni consecutivi nelle classifiche.


>>Continua a leggere "Legambiente: Un Comune su 6 supera il 60% di raccolta differenziata"

4623 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Legambiente: Un Comune su 6 supera il 60% di raccolta differenziata  at YahooMyWeb Bookmark Legambiente: Un Comune su 6 supera il 60% di raccolta differenziata  at NewsVine Bookmark Legambiente: Un Comune su 6 supera il 60% di raccolta differenziata  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Rifiuti a Napoli. Impianti in tilt e aumento giacenza nelle strade

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 4 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Ancora e ripetuta crisi dei rifiuti a Napoli. Una storia senza fine. E nel frattempo cresce il fronte dei 'no' alle discariche sui propri territori

A Napoli cresce la preoccupazione di una nuova, imminente, crisi rifiuti.
Le cause?
Soprattutto la quasi saturazione della discarica di Chiaiano che, negli ultimi giorni, ha notevolmente calato la sua capacità ricettiva passando da 600-700 tonnellate quotidiane alle circa 300 della scorsa notte.

Una situazione che viene, ulteriormente, aggravata dall'intasamento dello Stir di Caivano nel quale non si riescono a svuotare le vasche cariche di frazione umida.

Al lavoro gli impianti di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), Giugliano e Tufino, ma le quantità di rifiuti ingoiati non sono sufficienti a ripulire le strade, a liberare i cassonetti e a scaricare gli autocompattatori.
L'altra mattina, sui marciapiedi della città, c'erano circa 1.150 tonnellate di immondizia.
Una giacenza che si aggrava soprattutto nella zona orientale. 


>>Continua a leggere "Rifiuti a Napoli. Impianti in tilt e aumento giacenza nelle strade"

2827 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Rifiuti a Napoli. Impianti in tilt e aumento giacenza nelle strade  at YahooMyWeb Bookmark Rifiuti a Napoli. Impianti in tilt e aumento giacenza nelle strade  at NewsVine Bookmark Rifiuti a Napoli. Impianti in tilt e aumento giacenza nelle strade  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Lo spreco dei pranzi e dei cenoni natalizi

Scritto da 100ambiente - News • Martedì, 14 dicembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Produzione & Consumi
Sono la frutta, la verdura, il pane, i latticini e la carne i più 'buttati'. Un vero spreco che si trasforma in spazzatura. Saranno 500 mila le tonnellate di cibo che andranno buttate

Tra pranzi di Natale e cenoni della vigilia e di Capodanno e pranzo dell'Epifania, gli italiani butteranno nella spazzatura cibo per più di 1,5 miliardi di euro, per un totale di circa 500mila tonnellate di alimenti che finiranno, letteralmente, nella pattumiera.

Con un costo, a famiglia, di circa 80 euro in totale spese inutilmente per comprare cose che poi vengono buttate.
Lo rende noto una indagine della Cia. Frutta, verdura, pane, latticini e carne, i prodotti che più degli altri finiscono nei cassonetti dell`immondizia.


>>Continua a leggere "Lo spreco dei pranzi e dei cenoni natalizi"

3323 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Lo spreco dei pranzi e dei cenoni natalizi  at YahooMyWeb Bookmark Lo spreco dei pranzi e dei cenoni natalizi  at NewsVine Bookmark Lo spreco dei pranzi e dei cenoni natalizi  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Campania. Senza delle soluzioni definitive sui rifiuti, il disastro ambientale è dietro l'angolo

Scritto da 100ambiente - News • Mercoledì, 17 novembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
In un mese potrebbero esserci a terra 60mila tonnellate. Una condizione assurda, che sembra non avere uscita. Ed invece basterebbe buona volontà perché si trovi una soluzione.

Se non si correrà ai ripari nel raccogliere l'immondizia nelle strade del napoletano, a fine mese si arriverà a 60mila tonnellate di rifiuti in strada, una situazione di vero e proprio "disastro ambientale".

Questo quanto affermato dal presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle ecomafie Gaetano Pecorella incontrando i giornalisti al termine di una serie di sopralluoghi e di audizioni svolte oggi a Napoli e in provincia.


>>Continua a leggere "Campania. Senza delle soluzioni definitive sui rifiuti, il disastro ambientale è dietro l'angolo"

2589 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Campania. Senza delle soluzioni definitive sui rifiuti, il disastro ambientale è dietro l'angolo  at YahooMyWeb Bookmark Campania. Senza delle soluzioni definitive sui rifiuti, il disastro ambientale è dietro l'angolo  at NewsVine Bookmark Campania. Senza delle soluzioni definitive sui rifiuti, il disastro ambientale è dietro l'angolo  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

I risultati delle analisi della cava di Sari: contaminazione in corso

Scritto da 100ambiente - News • Giovedì, 11 novembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
I risultati ottenuti da prelievi effettuati in più occasioni certificano che è in atto una contaminazione profonda della falda acquifera.

I risultati delle analisi condotte sui piezometri della discarica Sari di Terzigno, evidenziano "una contaminazione della falda acquifera profonda".

Come anticipato da 100ambiente, i dati sono relativi sia ai prelievi effettuati lo scorso 29 ottobre sia a quelli pregressi svolti dall'Asia, l'azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti nel napoletano.

Nella relazione stilata dal tecnico Michele Moscariello e resa pubblica oggi nel corso di una conferenza stampa nella sede del Parco nazionale del Vesuvio, si legge inoltre:

"La mancata acquisizione di controlli pregressi, necessari e dovuti, circa lo stato di qualità preesistente della falda acquifera prima dell'apertura della discarica, non consente di formulare ipotesi precise sulla fonte della sua contaminazione".


>>Continua a leggere "I risultati delle analisi della cava di Sari: contaminazione in corso"

2911 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark I risultati delle analisi della cava di Sari: contaminazione in corso  at YahooMyWeb Bookmark I risultati delle analisi della cava di Sari: contaminazione in corso  at NewsVine Bookmark I risultati delle analisi della cava di Sari: contaminazione in corso  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Il mercato nero dei pneumatici, oltre mille le discariche

Scritto da Sonja Caccamo • Giovedì, 4 novembre 2010 • Commenti 1 • Categoria: Materiali
Dossier Legambiente: coinvolte 16 regioni e 8 stati esteri. Dove vanno a finire tutti i pneumatici usati? Seguono tutti strade lecite?

Ogni anno in Italia spariscono nel nulla fino a 100 mila tonnellate di pneumatici fuori uso, circa un quarto di quelli immessi in commercio nello stesso arco di tempo.
Sono più di mille le discariche illegali dal Nord al Sud, oltre 2 miliardi di euro il danno economico per le finanze e l`imprenditoria 'onesta' nell'arco temporale degli ultimi 5 anni.

Sono alcuni dati del dossier presentato oggi a Rimini - dove è in corso la 14ma edizione della 'Fiera Ecomondo' - da Legambiente ed Ecopneus (consorzio dei 6 principali produttori di pneumatici in Italia) nel quale per la prima volta viene descritto il quadro dei traffici illegali di pneumatici fuori uso, alla vigilia della partenza di un sistema nazionale di raccolta in Italia.


>>Continua a leggere "Il mercato nero dei pneumatici, oltre mille le discariche"

6067 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Il mercato nero dei pneumatici, oltre mille le discariche  at YahooMyWeb Bookmark Il mercato nero dei pneumatici, oltre mille le discariche  at NewsVine Bookmark Il mercato nero dei pneumatici, oltre mille le discariche  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

A Terzigno identificate in acque di falda prodotti chimici e inquinanti

Scritto da 100ambiente - News • Venerdì, 29 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Emerge dagli ultimi esami effettuati sulel acque di falda. La situazione pare essere sfuggita di mano.

Fluoruri, ferro, manganese, nichel, zinco, cadmio. E ancora, prodotti chimici industriali, pesticidi, idrocarburi cancerogeni come il benzo(a)pirene.

Tutto in quantità di gran lunga superiore ai limiti consentiti dal decreto legislativo 152 del 2006.
E' una miscela pericolosa quella che ha provocato la generale compromissione delle acque di falda a Terzigno, il comune vesuviano diventato in queste settimane il luogo simbolo della protesta contro lo sversamento indiscriminato di immondizia a Cava Sari e contro l'apertura di una seconda discarica, quella di Cava Vitello.


>>Continua a leggere "A Terzigno identificate in acque di falda prodotti chimici e inquinanti"

2776 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark A Terzigno identificate in acque di falda prodotti chimici e inquinanti  at YahooMyWeb Bookmark A Terzigno identificate in acque di falda prodotti chimici e inquinanti  at NewsVine Bookmark A Terzigno identificate in acque di falda prodotti chimici e inquinanti  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Rifiuti Campania. Legambiente ha presentato un esposto alla Procura di Nola

Scritto da 100ambiente - News • Domenica, 24 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Le vicende di Terzigno non hanno lasciato nessuno fuori dal gioco. Legambiente scende in campo ravvisando la presenza di traffico illecito e disastro ambientale per la discarica di Terzigno. E procede quindi con un esposto in procura.

Legambiente Campania ha presentato alla procura della Repubblica di Nola un "dettagliato" esposto-denuncia per traffico illecito di rifiuti, disastro ambientale e inquinamento delle falde acquifere nella discarica Sari di Terzigno.

All'esposto hanno aderito i sindaci di Boscoreale, Boscotrecase, Terzigno, Trecase ed il presidente del Parco Nazionale del Vesuvio.

La Procura di Nola, spiega Legambiente in una nota, già ha assegnato procedimento al pm Visone che dovrà accertare la fondatezza delle fattispecie di reati denunciate.


>>Continua a leggere "Rifiuti Campania. Legambiente ha presentato un esposto alla Procura di Nola"

4269 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Rifiuti Campania. Legambiente ha presentato un esposto alla Procura di Nola  at YahooMyWeb Bookmark Rifiuti Campania. Legambiente ha presentato un esposto alla Procura di Nola  at NewsVine Bookmark Rifiuti Campania. Legambiente ha presentato un esposto alla Procura di Nola  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Le città capoluogo a misura di ambiente. Rapporto Legambiente

Scritto da 100ambiente - News • Lunedì, 18 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Territorio
Belluno, Verbania e Parma al top. Male le metropoli e il Sud. Ancora allarme ambiente.

E' di nuovo allarme ambientale nelle grandi città italiane.
Con l'unica eccezione di Torino tutti i centri urbani con più di mezzo milione di abitanti vedono peggiorare il loro stato di salute.

Tira veramente una pessima aria a Milano (che peggiora in tutti gli indici della qualità dell'aria e in particolare per le concentrazioni di Ozono: 60 giorni di superamento, erano 41 lo scorso anno), Napoli e Palermo soccombono sotto i cumuli di rifiuti abbandonati nelle strade, incapaci di intraprendere un sistema di raccolta differenziata efficace mentre a Roma i cittadini patiscono ogni giorno gli effetti dannosi di una mobilità scriteriata con centro e periferie invase dalle auto private.

E' quanto rivela la 17ma edizione di 'Ecosistema Urbano', l'annuale report di Legambiente e Ambiente Italia sullo stato di salute ambientale dei comuni capoluogo italiani realizzata con la collaborazione editoriale del Sole 24 Ore e presentato oggi a Firenze.


>>Continua a leggere "Le città capoluogo a misura di ambiente. Rapporto Legambiente"

2794 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Le città capoluogo a misura di ambiente. Rapporto Legambiente  at YahooMyWeb Bookmark Le città capoluogo a misura di ambiente. Rapporto Legambiente  at NewsVine Bookmark Le città capoluogo a misura di ambiente. Rapporto Legambiente  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Torna Puliamo il Mondo. Dal 24 al 26 settembre.

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Martedì, 21 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti

Si chiama Puliamo il Mondo, la versione italiana del più grande evento di volontariato ambientale nel mondo, Clean Up the World, che torna anche quest’anno in Italia organizzata da Legambiente in collaborazione con la Rai.
Il week-end 2010 per ripulire dai rifiuti abbandonati strade, piazze, parchi, spiagge e fiumi, sarà quello del 24, 25 e 26 settembre e sarà anche l’occasione per dichiarare guerra ai sacchetti di plastica, veri nemici dell’ambiente molto diffusi e sempre troppo dispersi in natura.

Puliamo il mondo 2010

Nata a Sidney in Australia nel 1989, Clean Up the World è la più importante campagna di volontariato ambientale del mondo cui partecipano centinaia di paesi e più di 35 milioni di persone.
L’iniziativa è stata portata in Italia nel 1993 e da allora è presente su tutto il territorio nazionale grazie all'instancabile lavoro di oltre 1.500 gruppi di “volontari dell'ambiente”, che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine.

Fondamentale il contributo della Rai, che collabora dal 1995 alla promozione delle giornate di Puliamo il Mondo con trasmissioni, dirette e uno spot di sensibilizzazione. Anche quest’anno, Ambiente Italia di Rai 3 segue la settimana di avvicinamento al fine settimana di volontariato ambientale, presentando, casi, emergenze e progetti in tutta Italia.


>>Continua a leggere "Torna Puliamo il Mondo. Dal 24 al 26 settembre."

2923 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Torna Puliamo il Mondo. Dal 24 al 26 settembre.  at YahooMyWeb Bookmark Torna Puliamo il Mondo. Dal 24 al 26 settembre.  at NewsVine Bookmark Torna Puliamo il Mondo. Dal 24 al 26 settembre.  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 10 settembre 2010 • Commenti 2 • Categoria: Materiali

Sacchetti PlasticaUna petizione per chiedere al Ministro Prestigiacomo di non firmare la proroga all’utilizzo delle borse non biodegradabili negli esercizi commerciali e un dossier con tutti i numeri sugli shoppers di plastica e i loro danni all’ambiente. Questa è la nuova azione perseguita da Legambiente per cercare di togliere la maglia nera europea all'Italia, quale peggior nazione nell'uso dei sacchetti di plastica.

Basterebbe veramente poco per ottenere risultati incredibili. 10 Shoppers riutilizzabili potrebbero sostituire ben 300 sacchetti di palstica pro-capite e un risparmio netto di 180 mila tonnellate di petrolio e altrettante emissioni di CO2, evitando di disperdere nei campi, lungo le rive dei fiumi, nei mari plastica indistruttibile.
I primi 1.500 cittadini che hanno firmato sul web non chiedono solo a governo e negozi di decretare la fine dell'inutile orgia di plastica ‘a perdere’, ma si impegnano individualmente a farne individualmente a meno. C'e' tempo fino al 17 settembre prossimo.
Il sacchetto di plastica è l’emblema dell’economia dello spreco; la sporta o il sacchetto elegante riutilizzabili sono tornati di moda.

I sacchetti di plastica utilizzati nei negozi e nei supermercati costituiscono, infatti, un grave problema d’inquinamento ambientale diffuso in tutto il mondo. Consumiamo in Italia circa 20 miliardi di buste all’anno, assicurando così al nostro paese la maglia nera europea. In Europa le buste consumate sono 100 miliardi e le stime parlano di una commercializzazione annua mondiale di 1.000 miliardi di sacchetti.


>>Continua a leggere "Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio"

5739 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  at YahooMyWeb Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  at NewsVine Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!