Ambiente, ecologia, tecnologia e sviluppo sostenibile

Misure per buste biodegradabili, multe più pesanti

Scritto da 100ambiente - News • Mercoledì, 28 dicembre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze
Restano al bando sacchetti plastica dannosi per ambiente

Via libera del governo a nuove misure per i sacchetti biodegradabili, per dare più impulso alle filiere sostenibili e rafforzare le sanzioni.

Il consiglio dei ministri - su proposta del responsabile dell'Ambiente, Corrado Clini, e del titolare dello Sviluppo economico, Corrado Passera - ha approvato nuove disposizioni per le buste biodegradabili, "chiarendo il campo di applicazione della precedente normativa e introducendo sanzioni rigorose a tutela dell'ambiente".


>>Continua a leggere "Misure per buste biodegradabili, multe più pesanti"

3402 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Misure per buste biodegradabili, multe più pesanti  at YahooMyWeb Bookmark Misure per buste biodegradabili, multe più pesanti  at NewsVine Bookmark Misure per buste biodegradabili, multe più pesanti  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'

Scritto da Sonja Caccamo • Mercoledì, 21 settembre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti
Riempiti 200 container di Legambiente. Ora si andrà nelle scuole

E' stato il primo lungo week end di festa e di mobilitazione in tutta la penisola con Puliamo il mondo, la versione italiana della manifestazione internazionale Clean Up the World, realizzata in Italia da Legambiente.
Da venerdì a oggi, cittadini, esponenti di istituzioni, consorzi e associazioni hanno partecipato numerosi alla grande pulizia straordinaria degli spazi pubblici dai rifiuti abbandonati. Mentre il 23 e 24 settembre l'iniziativa proseguirà in molte scuole del Paese dove si sono prenotati circa 300.000 ragazzi insieme ai loro insegnanti.

"Il successo di Puliamo il mondo è un segnale importante, i cittadini confermano una voglia crescente di protagonismo e il desiderio di avere città più pulite e vivibili - ha dichiarato da Napoli, dove ha preso parte all'iniziativa, Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente - La numerosa partecipazione in tutta Italia testimonia anche la consapevolezza dell'importanza dell'impegno individuale a tutela del territorio. A cominciare dalla gestione dei rifiuti che rimane una questione irrisolta in molte aree d'Italia, dove la raccolta differenziata è inesistente e rappresenta una sfida importante per il mondo intero".


>>Continua a leggere "Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'"

3917 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  at YahooMyWeb Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  at NewsVine Bookmark Raccolti 40mila sacchi rifiuti a 'Puliamo il mondo'  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La plastica del futuro? A base di fibre di frutta

Scritto da 100ambiente - News • Lunedì, 27 giugno 2011 • Commenti 1 • Categoria: Materiali
Ecologica e fino a 4 volte più resistente di quella attuale

Una plastica più leggera del 30% e da 3 a 4 volte più forte di quella attuale, più resistente al calore, e in più completamente rinnovabile ed ecologica, verrà ricavata dalle nano-fibre di cellulosa di alcuni frutti come ananas, cocco e banane: l'innovazione è stata presentata nel corso del 241° National Meeting & Exposition dell'American Chemical Society da un gruppo di ricercatori brasiliani dell'Università di San Paolo.

Alcune di queste nano-fibre ricavate dalla frutta, spiegano i ricercatori, sono resistenti quasi come il Kevlar, il materiale utilizzato nei giubbotti antiproiettile; a differenza di quest'ultimo, però, non vengono prodotte dal petrolio, ma da fibre di cellulosa completamente naturali.


>>Continua a leggere "La plastica del futuro? A base di fibre di frutta"

3678 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La plastica del futuro? A base di fibre di frutta  at YahooMyWeb Bookmark La plastica del futuro? A base di fibre di frutta  at NewsVine Bookmark La plastica del futuro? A base di fibre di frutta  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 10 settembre 2010 • Commenti 2 • Categoria: Materiali

Sacchetti PlasticaUna petizione per chiedere al Ministro Prestigiacomo di non firmare la proroga all’utilizzo delle borse non biodegradabili negli esercizi commerciali e un dossier con tutti i numeri sugli shoppers di plastica e i loro danni all’ambiente. Questa è la nuova azione perseguita da Legambiente per cercare di togliere la maglia nera europea all'Italia, quale peggior nazione nell'uso dei sacchetti di plastica.

Basterebbe veramente poco per ottenere risultati incredibili. 10 Shoppers riutilizzabili potrebbero sostituire ben 300 sacchetti di palstica pro-capite e un risparmio netto di 180 mila tonnellate di petrolio e altrettante emissioni di CO2, evitando di disperdere nei campi, lungo le rive dei fiumi, nei mari plastica indistruttibile.
I primi 1.500 cittadini che hanno firmato sul web non chiedono solo a governo e negozi di decretare la fine dell'inutile orgia di plastica ‘a perdere’, ma si impegnano individualmente a farne individualmente a meno. C'e' tempo fino al 17 settembre prossimo.
Il sacchetto di plastica è l’emblema dell’economia dello spreco; la sporta o il sacchetto elegante riutilizzabili sono tornati di moda.

I sacchetti di plastica utilizzati nei negozi e nei supermercati costituiscono, infatti, un grave problema d’inquinamento ambientale diffuso in tutto il mondo. Consumiamo in Italia circa 20 miliardi di buste all’anno, assicurando così al nostro paese la maglia nera europea. In Europa le buste consumate sono 100 miliardi e le stime parlano di una commercializzazione annua mondiale di 1.000 miliardi di sacchetti.


>>Continua a leggere "Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio"

5796 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  at YahooMyWeb Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  at NewsVine Bookmark Con una sporta si risparmiano 30 sacchetti di plastica e 180 mila tonnellate di petrolio  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Electrolux raccoglie i rifiuti di plastica in mare e ne fa aspirapolveri

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Lunedì, 19 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Elettrodomestici verdi

Vac from the sea - ElectroluxSi chiama Vac from the Sea il nuovo progetto lanciato da Electrolux con l'obiettivo di aiutare - seppur in maniera minima vista l'entità e la vastità del problema - alla rimozione dei rifiuti in plastica presenti negli oceani di tutto il mondo. Ricordiamo infatti il disastro ambientale presente nell'Oceano Pacifico (e non solo) rappresentato dalla più grande isola galleggiante di spazzatura al mondo, tra cui molta plastica.

Ebbene Electrolux ha deciso di raccogliere parte di questa plastica e di quella presente negli altri mari e, attraverso un processo di riciclo, utilizzarla per realizzare nuovi aspirapolvere.

Vac form the Sea (che significa “aspirapolvere dal mare”), ha l’obiettivo di portare l’attenzione sul problema dei rifiuti plastici e sulla possibilità di reperire sul mercato materiale plastico riciclato necessario per produrre elettrodomestici ancora più “verdi”.
Incredibile ma vero ci sono vere e proprie isole di plastica che galleggiano nei nostri mari, alcune con dimensioni che superano di due volte la superficie dell’Italia, tuttavia - incredibile - la disponibilità industriale di plastica riciclata è ancora molto limitata, inceppando quel meccanismo virtuoso che consentirebbe la produzione di apparecchiature in modo sostenibile, facilitandone lo smaltimento a fine vita.


>>Continua a leggere "Electrolux raccoglie i rifiuti di plastica in mare e ne fa aspirapolveri"

6387 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Electrolux raccoglie i rifiuti di plastica in mare e ne fa aspirapolveri  at YahooMyWeb Bookmark Electrolux raccoglie i rifiuti di plastica in mare e ne fa aspirapolveri  at NewsVine Bookmark Electrolux raccoglie i rifiuti di plastica in mare e ne fa aspirapolveri  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Aperto un nuovo supermercato UNES ecosostenibile

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 16 luglio 2010 • Commenti 1 • Categoria: Produzione & Consumi

Unes Supermercato EcologicoAvviata da Unes la strada verso l'apertura di supermercati che abbiano un'impronta fortemente ecosostenibile. Le grandi superfici commerciali hanno una propensione ad essere divoratori di energia e di proporre modelli commerciali in cui lo spreco è di casa. Il motivo è ovvio: risultare accattivanti e commercialmente seducenti per portare il consumatore ad acquistare sempre di più e a scegliere uno o l'altra superficie commerciale.

Il nuovissimo supermercato ecosotenibile in casa Unes sarà inaugurato oggi a Biassono (MB) in via "Trento e Trieste 114".
Cestelli della spesa ottenuti grazie al riciclo di 120mila tappi di plastica, carrelli nati dal recupero di di 25mila bottiglie in Pet e divisori dei banchi frigo ottenuti riutilizzando più di 6mila bottiglie in plastica.
E ancora: barre “Cliente successivo” ricavate dal recupero della plastica, un impianto luci intelligente per ottimizzare l’utilizzo di energia elettrica nelle diverse aree del punto vendita.
Sono solo alcune delle novità “green” che distingueranno il nuovo supermercato a insegna “U2” .

Ma non solo: il nuovo punto vendita dirà basta ai sacchetti in polietilene, ridurrà gli imballaggi di molti prodotti, venderà esclusivamente sacchetti biodegradabili, borse usa-riusa in TNT (tessuto-non-tessuto) e lampadine a ridotto consumo energetico.


>>Continua a leggere "Aperto un nuovo supermercato UNES ecosostenibile"

7800 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Aperto un nuovo supermercato UNES ecosostenibile  at YahooMyWeb Bookmark Aperto un nuovo supermercato UNES ecosostenibile  at NewsVine Bookmark Aperto un nuovo supermercato UNES ecosostenibile  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Lief Tie. Le fascette stringifili dal gusto ambientale

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Mercoledì, 5 maggio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Materiali

fascette stringifiliOrmai il concetto di ambiente lo troviamo ovunque: e purtroppo vien usato fin a sproposito. Aziende, politica, filosofie di vita, prodotti, servizi ... tutti che cavalcano la moda e si vestono (travestono) con indumenti di carta velina pur di sfruttare il sentiment dell'ecosostenibilità. Tra le ultime novità segnalate (ringraziamo i ragazzi di 100design) troviamo le fascette stringifili (utilizzate anche in giardinaggio) che tutto sono meno che ecosostenibili (nel senso che sono di plastica praticamente indistruttibile visto lo scopo per cui sono prodotte).

Ebbene, se volete da ora in poi le poterte trovare deliziosamente adornate con due fogliette verdi.

Sebbene non sia chiaro se la plastica utilizzata sia del genere biodegradabile o provenga dal riciclo, sappiate che parte dei proventi dalla vendita andranno a favore di iniziative pro ambiente.

L'uso che ne potete fare?
Pratico o puramente estetico. Come viene dimostrato dalla fotogallery che segue.



>>Continua a leggere "Lief Tie. Le fascette stringifili dal gusto ambientale"

16039 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Lief Tie. Le fascette stringifili dal gusto ambientale  at YahooMyWeb Bookmark Lief Tie. Le fascette stringifili dal gusto ambientale  at NewsVine Bookmark Lief Tie. Le fascette stringifili dal gusto ambientale  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Al via la settimana nazionale "Porta la Sporta" per abbandonare i sacchetti di plastica

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Lunedì, 19 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Appuntamenti

Da Sabato è partita la settimana nazionale “Porta la Sporta”, otto giorni dal 17 al 24 aprile per abituarsi a utilizzare la borsa riutilizzabile abbandonando i sacchetti di plastica e monouso, come previsto dalla direttiva europea che dovrebbe arrivare anche in Italia nel gennaio 2011.

L’iniziativa, promossa da Associazione dei Comuni Virtuosi, WWF, Italia Nostra, FAI e Adiconsum, ha riscosso adesioni senza precedenti da oltre cento tra grandi e piccoli Comuni tra cui anche Milano, Trento, Trieste, Pordenone, Arezzo, Forlì, Cesena, 13 Provincie, decine di associazioni, enti e aziende di varia natura, oltre a singoli esercizi commerciali. Coinvolta anche la grande distribuzione, con oltre 2500 punti vendita in tutta Italia per insegne come Esselunga, Unes, Simply Sma, NaturaSì, Despar Triveneto e Provincia di Ferrara.

Moltissime le iniziative sul territorio, organizzate da enti locali e associazioni nelle piazze, nei mercati rionali, negli esercizi commerciali e anche nelle scuole. Si va da stand o azioni di informazione sui danni ambientali dei sacchetti in plastica e sulle soluzioni per porvi rimedio, ad attività manuali e creative come  laboratori per grandi e piccoli di “cuci la sporta” o “decora la sporta”, in molti casi realizzati a partire da materiali di scarto o tessuti riciclati.

I laboratori, proposti tutto l’anno dal sito della campagna, sono stati molto apprezzati per le possibilità di aggregazione, interazione sociale, propagazione virale del messaggio su stili di vita non solamente possibili ma necessari, e hanno visto il coinvolgimento di ragazzi diversamente abili arricchendosi del valore sociale della solidarietà.


>>Continua a leggere "Al via la settimana nazionale "Porta la Sporta" per abbandonare i sacchetti di plastica"

3668 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Al via la settimana nazionale "Porta la Sporta" per abbandonare i sacchetti di plastica  at YahooMyWeb Bookmark Al via la settimana nazionale "Porta la Sporta" per abbandonare i sacchetti di plastica  at NewsVine Bookmark Al via la settimana nazionale "Porta la Sporta" per abbandonare i sacchetti di plastica  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

La tragedia del "mare di plastica".

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 9 aprile 2010 • Commenti 4 • Categoria: Materiali

Si chiama Sylvia Alice Earle - classe 1935 - nota scienziata specializzata in oceanografia ed è la vincitrice del premio TED 2009 per il miglior intervento scientifico dedicato al settore degli oceani. Il suo "speech" ha riportato ancora una volta alla ribalta il problema della plastica negli oceani, con tutte le conseguenze biologiche che questo comporta. Dati allarmanti, quasi scioccanti tanto da portare la Surfrider Foundation a realizzare anche un video promozionale di sensibilizzazione davvero straordinario ma tristissimo dove si immagina un mare fatto solo di plastica.

pacific garbage patch

Nel proseguo del post vi mostreremo il video, ma prima di dedicarci alla sua visione, vi diamo alcuni dati che vi aiuteranno a dimensionare il problema sempre più grave e allarmante:

1. Secondo Surfrider Foundation ogni anno muoiono più di 1 milione di uccelli e mammiferi marini per aver ingerito rifiuti di plastica, scambiando spesso la plastica per cibo commestibile.

2. Nella "tristemente famosa" zona conosciuta come il Pacific Garbage Patch, ci sono oltre 100 milioni di tonnellate di plastica.

3. Si calcola che si aggregasse tutta la plastica dispersa negli oceani si otterrebbe una superficie complessiva doppia a quella del territorio degli Stati Uniti


>>Continua a leggere "La tragedia del "mare di plastica"."

7827 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark La tragedia del "mare di plastica".  at YahooMyWeb Bookmark La tragedia del "mare di plastica".  at NewsVine Bookmark La tragedia del "mare di plastica".  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Albatri e rifiuti galleggianti

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Venerdì, 20 novembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Fauna

Gli albatri (Albatros) sono uccelli di mare della famiglia Diomedeidae nell'ordine delle Procellariiformes.
Vivono negli oceani meridionali e nel nord Oceano Pacifico.
Sono assenti nell'Atlantico settentrionale se non come fossili. Sono tra gli uccelli volatili più grandi al mondo e l'albatro urlatore (Diomedea exulans) è l'uccello vivente con l'apertura più grande al mondo.

Le foto che ci accingiamo a mostravi ritraggono pulli di albatro morti e sono state scattate dell’Ottobre 2009 nell’arcipelago di Midway, un angolo remoto di terra nel mezzo del Pacifico settentrionale tragicamente noto per la battaglia tra americani e giapponesi durante la seconda Guerra Mondiale.

L’autore delle foto garantisce di non avere toccato assolutamente nulla ma di avere solo fotografato quello che si è trovato davanti come testimonianza di una realtà drammatica: i pulli sembrano essere stati nutriti dai propri genitori a base di piccolo oggetti di plastica che ne hanno provocano inevitabilmente la morte.

In quanto tali, le foto sono anche una drammatica testimonianza dei livelli di inquinamento in un luogo che è a oltre 2.000 miglia dal più vicino continente.




>>Continua a leggere "Albatri e rifiuti galleggianti"

90515 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Albatri e rifiuti galleggianti  at YahooMyWeb Bookmark Albatri e rifiuti galleggianti  at NewsVine Bookmark Albatri e rifiuti galleggianti  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Prima giornata mondiale senza i sacchetti di plastica

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Sabato, 12 settembre 2009 • Commenti 1 • Categoria: Materiali

Se dobbiamo essere sinceri, non era necessaria una giornata mondiale senza sacchetti di plastica per ricordare a tutti l'uso consapevole e responsabile di questa borsa usa e getta. Anche perché l'uso smodato delle "giornate mondiali" ne sta facendo perdere l'efficacia e il livello d'attenzione nei loro confronti sta via via scemando .... ma ....
se questo è ormai l'unico modo per comunicare con la gente, vada per la Giornata mondiale senza i sacchetti di plastica.

Su iniziativa della Marine Conservation Society (MCS), la campagna “Porta la Sporta” lancia un invito a tutti i consumatori: munirsi di borse riutilizzabili e non usare sacchetti di plastica per tutta la giornata di oggi, ma anche nei giorni a venire.
Una tartaruga con una parte di sacchetto di plastica in bocca

E’ un modo facile e assolutamente efficace per fermare l’abitudine insensata delle shopper monouso e ridurre le loro gravissime ripercussioni sull’ambiente, in attesa che anche in Italia ne venga vietato l’utilizzo, una decisione prevista dall’Unione Europea entro il gennaio 2010 ma che l’Italia ha già rimandato al 2011.

Ogni anno vengono consumati nel mondo centinaia di miliardi di sacchetti di plastica (100 miliardi solo in Europa), utilizzati per una media di 10-20 minuti.


Solo in Italia si consumano oltre 20 miliardi di shopper l’anno, una media di circa 400 per ogni cittadino italiano, ponendoci tra i primi consumatori al mondo. E tutto questo è associato a ingenti consumi di petrolio ed emissioni di gas serra, oltre che di altre sostanze inquinanti.


>>Continua a leggere "Prima giornata mondiale senza i sacchetti di plastica"

Tags:
11612 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Prima giornata mondiale senza i sacchetti di plastica  at YahooMyWeb Bookmark Prima giornata mondiale senza i sacchetti di plastica  at NewsVine Bookmark Prima giornata mondiale senza i sacchetti di plastica  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!

Unicoop. Al bando 50 milioni di sacchetti di plastica

Scritto da Luca De Nardo - 100ambiente • Martedì, 9 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze

Unicoop Firenze sarà la prima catena food della Gdo dell'Europa occidentale ad eliminare totalmente lo shopper in polietilene, anticipando il provvedimento contenuto nella finanziaria 2007.
I sacchetti tradizionali di plastica verranno sostituiti da sacchetti completamente biodegradabili e compostabili in Mater-Bi, famiglia di bioplastiche sviluppate e commercializzate da Novamont.

La sostituzione dei tradizionali sacchetti in plastica rientra nell'ambito del progetto "Diamo una mano all'ambiente" voluto fortemente dalla Unicoop, grazie all'utilizzo di materiale biodegradabile e compostabile naturalmente in conformità con le norme europee Uni En 13432 e Uni En 14995.
"E' una la soluzione concreta alla domanda di prodotti di largo consumo a basso impatto ambientale che - spiega Unicoop Firenze - nasce da risorse rinnovabili di origine agricola, diminuisce le emissioni di gas ad effetto serra, riduce il consumo di energia e di risorse non rinnovabili, completa un circolo virtuoso: le materie prime di origine agricola tornano alla terra attraverso processi di biodegradazione o compostaggio senza il rilascio di sostanze inquinanti".


>>Continua a leggere "Unicoop. Al bando 50 milioni di sacchetti di plastica"

2262 hits
Twitter Google Bookmarks FriendFeed Bookmark Unicoop. Al bando 50 milioni di sacchetti di plastica  at YahooMyWeb Bookmark Unicoop. Al bando 50 milioni di sacchetti di plastica  at NewsVine Bookmark Unicoop. Al bando 50 milioni di sacchetti di plastica  with wists Stumble It! Print this article! E-mail this story to a friend!